Lo spazio sfinito

Tommaso Pincio

Devo ammetterlo: solo di recente ho cominciato ad approcciarmi alla letteratura italiana contemporanea. Ultimamente ne ho seguito i premi, le polemiche, di tanto in tanto le sperimentazioni, ma non posso di certo considerarmi un’esperta. L’impressione che ho ricavato da queste randomiche letture è stata molto spesso analoga a quella che ingenerano in me certi film sulle crisi esistenziali e le paranoie di Italiani quarantenni in bilico tra la paura delle responsabilità ed il desiderio di autoaffermazione. Salvo qualche eccezione, ne sono spesso rimasta delusa…

Non posso non ammettere anche la mia predilezione verso la letteratura americana e, in particolare, verso il postmodernismo (v. La letteratura italiana negli anni Ottanta: il romanzo postmoderno). Una dimensione certamente altra rispetto al panorama italico, col quale è difficile stabilire un confronto, particolarmente con riferimento alla contemporaneità. Oppure no…?

Tornando al panorama italico, avevo già letto della maestria di Pincio, della sua prosa asciutta e incisiva, e ne avevo avuto un piccolo assaggio con la traduzione de Il grande Gatsby nell’edizione di Minimum fax e con la lettura dell’incipit de Il dono di saper vivere (2018) – che a questo punto leggerò certamente a breve.

Tommaso Pincio
(By Harmonia Amanda – Own work, CC BY-SA 3.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=17384294)

Lo spazio sfinito è un romanzo inusuale, pubblicato nel 2000 da Fanucci, che, sulla scia del postmodernismo americano (peculiarmente pynchoniano), svela i drammi e i bisogni esistenziali di personaggi dalle vite “specchianti”, che non sono poi così dissimili da quelli della gente comune.

Lo spazio sfinito (Foto di E. Rizzo)

Gli sfavillanti anni Cinquanta fanno da sfondo temporale ad una versione alternativa della storia, in cui Jack Kerouac è controllore di orbite spaziali per conto della Coca-Cola Enterprise, Neal Cassady è un ragazzaccio bisognoso d’amore e Marilyn Monroe è una commessa di una libreria senza libri. E poi fa la sua comparsa Norma Jeane, alter ego della bellissima icona che da sempre popola l’immaginario maschile, e suo marito, nella veste di uno spietato e potente Arthur Miller.

Jack Kerouac aveva stabilito di affrontare la solitudine di quelle settimane a mani nude, senza aiuti di sorta. Niente pasticche strane, niente roba da bere, niente musica. Solo lui e il Vuoto là fuori, simbolicamente materializzato dall’immensità dello Spazio e dalla luce delle Stelle.

In questa patinatissima America, dove l’apparire ha preso il sopravvento e la cultura di massa ha finito per svilire anche il più maestoso dei sogni americani, i personaggi dai nomi tanto evocativi si fanno portavoce della controcultura e, ostinandosi a cercare un senso alla vacuità dilagante, si imbattono in situazioni stranianti e frustranti. La dimensione surreale, che asseconda una poco velata costruzione metaletteraria, viene ulteriormente smaterializzata dalla ricostruzione possibilistica della storia.

Non cercano prove, vogliono dubbi. Non vogliono arrivare a dire, «E’ veramente così che è andata» . Sperano solo di poter insinuare, «Potrebbe non essere andata così» . E’ quella che gli storici chiamano Possibilizzazione del Passato e si fonda sull’idea che la realtà non sia altro che un piano inclinato e che i fatti non possano far altro che rotolare verso il basso ovvero verso la finzione.

Tommaso Pincio, attraverso una prosa piana ma al contempo urgente ed emozionante, crea un universo onirico in cui al Vuoto siderale e alla finzione di un mondo massificato fanno da contrappunto la solitudine e l’inadeguatezza di chi eroicamente si ostina a cercare un rifugio dallo spazio “sfinito”.

Si distese e provò a chiudere gli occhi, perché in fondo anche lui voleva tornare a casa e dormire e sparire nella voragine del buio e nel silenzio di tutte le cose che finiscono, la voragine di quando lo spazio è così sfinito che non c’è più un posto dove andare e tu non hai la forza nemmeno di alzare lo sguardo per vedere se ci sono mai veramente state le Stelle lassù.

Raffigurazione pittorica dell’interazione tra l’eliosfera del Sole e il medium interstellare a formare un bow shock
(Di NASA/Goddard Space Flight Center/CI Lab – http://www.nasa.gov/mission_pages/voyager/multimedia/20110609_briefing_materials.html, Pubblico dominio, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=15462625)